Nel mondo dei social media tutto può cambiare e perciò bisogna rimanere sempre aggiornati sui trend che li dominano per poterli sfruttare al meglio. Noi di Wezem abbiamo studiato il report di Talkwalker per mostrarvi da cosa sarà caratterizzato questo 2021. Vediamolo insieme.

USER GENERATED CONTENT

Lo User Generated Content (i contenuti generati dagli utenti) saranno i protagonisti di molte strategie di marketing. I brand potranno creare template per poter permettere al loro pubblico di creare materiale che porti in qualche modo la cifra del marchio. Su Tiktok, soprattutto, non mancheranno le challenge che ispireranno le persone. Verranno creati, persino, meme e gif che le aziende vorranno far diventare virali facendo attenzione però che non vengano usati in maniera critica.

COVID-19

Il Covid-19 dominerà le conversazioni e le nostre vite anche quest’anno perciò tutte le comunicazioni saranno dominate da 4 C: Community (Comunità), Contactless (Assenza di contatto), Cleanliness (Pulizia), Compassion (Compassione). Di conseguenza, anche gli eventi saranno ancora online e si troveranno sempre più modi per renderli interattivi e coinvolgenti.

MEME

Nel 2021 i meme saranno il nuovo modo di comunicare. Perciò i brand dovranno essere bravi ad usarli sapientemente e a controllare quelli critici nei confronti della propria azienda. Essi, infatti, sono molto popolari tra le generazioni più giovani e stimolano l’engagement.

NOSTALGIA MARKETING

Tutti siamo stati vittima del nostalgia marketing che ha riportato in auge gli anni ’80 e ’90 e quest’anno non sarà diverso. Esso giocherà ancora il suo fascino di tipo sentimentale perché viviamo ancora tempi incerti e cerchiamo conforto in ricordi più sereni. Questo tipo di contenuti saranno segmentati in base al target e alla loro età. Se il brand lo permette, verranno rivisitati e rilanciati prodotti che fanno parte dell’archivio.

CONVERSATIONAL MARKETING

Da anni il marketing non è più caratterizzato da un messaggio da uno verso molti ma è molto più conversazionale. Perciò bisogna mostrare il lato umano del brand poiché il pubblico sarà sempre più piccolo ma molto più engaged. Anche le promozioni saranno meno forzate ma deriveranno dalle conversazioni naturali.

SOCIAL GAMING

Durante il lockdown le persone hanno trovato una fonte di distrazione nei videogiochi. Questi verranno, dunque, meno stigmatizzati e ci si rivolgerà alle comunità che nascono attorno ad essi. Per fare ciò i brand si sposteranno su piattaforme come Twitch e YouTube.

OLD MARKETING SCHOOL

Un’altra tendenza di questo 2021 sarà un ritorno a strumenti di marketing vecchio stile ma che verranno riproposti in chiave moderna e informativa come le newsletter e i podcast.

PERSISTENZA DI SOCIAL MEDIA PLATFORM

Chi dice che alcuni social network sono in decadenza si sbaglia di grosso. Le piattaforme che abbiamo usato rimarranno ancora per molto, si stabilizzeranno e troveranno nuovi tool per far interagire il pubblico. Bisogna solo rimanere aggiornati sui cambiamenti che avvengono in essi per poter scegliere quelli più adatti al proprio prodotto e al proprio target.

FAKE NEWS

Abbiamo visto come il Covid-19 abbia portato alla ribalta la disinformazione. Perciò, il 2021 sarà l’anno in cui i brand e i canali social media useranno nuovi mezzi come il labeling per evidenziare notizie incerte e provenienti da fonti poco affidabili. Le aziende dovranno prestare attenzione anche alle fake news che potranno nascere su di loro e potranno combatterle con una comunicazione più trasparente possibile.

PUBBLICO SOCIALMENTE CONSAPEVOLE

La tendenza più importante di questo nuovo anno e che i brand non potranno ignorare sarà l’impegno sociale e la consapevolezza che caratterizza le nuove generazioni. Essi effettuano acquisti da marchi che si dimostrano reattivi ai temi sociali e di attualità e che dimostrano di voler attuare un cambiamento positivo e sincero.

Qual è il trend che volete subito integrare nella vostra strategia?

Lascia un commento