Cari amici ben ritrovati!

La nostra attenzione oggi ricade sulla situazione italiana del commercio elettronico.

Lo shopping online oggi attrae una sempre maggiore fetta di pubblico, di tutte le età, i generi e le categorie sociali. Il dato certo è che oggi le piccole e medie aziende prediligono sempre di più i siti e-commerce, a discapito dei punti vendita offline, andando alla ricerca di professionisti cui affidare la realizzazione dei propri punti vendita online.

MA I CLIENTI?

Il mondo del web ormai è ovunque e oggi si riscontra un sempre maggiore interesse da parte del pubblico verso la realtà del mercato elettronico, al punto che si usufruisce dei punti vendita tradizionali con il solo obiettivo di visualizzare i prodotti proposti per poi acquistarli comodamente da casa.

Il dato certo è che negli ultimi dieci anni il fatturato e-commerce è aumentato a vista d’occhio. Nel 2004 si stimava una cifra pari ad 1,6 miliardi di euro che fino allo scorso anno è incrementata notevolmente, sino a toccare i 22,3 miliardi di euro.

FATTURATO PER ANNO DAL 2004 AL 2013:

2004: 1,6 miliardi di euro

2005: 2,1 miliardi di euro

2006: 3,3 miliardi di euro

2007: 4,9 miliardi di euro

2008: 6,4 miliardi di euro

2009: 10,0 miliardi di euro

2010: 14,3 miliardi di euro

2011: 18,9 miliardi di euro

2012: 21,1 miliardi di euro

2013: 22,3 miliardi di euro

QUAL È LA SITUAZIONE ATTUALE?

Oggi in Italia molte aziende iniziano a pensare di giocare un ruolo attivo nel processo di cambiamento che vede i negozi di vendita offline e i punti vendita tradizionali destinati alla stessa fine dei dinosauri.

Il 17 aprile 2014 si è tenuto a Milano l’ottavo convegno sull’e-commerce in Italia con la presentazione de il “Rapporto e-commerce 2014”. Il dato riscontrato è che lo scorso anno il mondo del mercato elettronico ha rallentato la sua corsa mostrando per la prima volta una crescita al +6%.

L’editoria è uno dei settori che ha riscontrato un tasso di decrescita oltre il 20%, vedendosi inglobata nel settore dei centri commerciali online e, alla stessa maniera, anche il mondo di bellezza e salute ha visto un calo pari al 19%.

Il sempre maggiore utilizzo di smartphone e tablet ha di molto esteso l’accesso al mercato on-line, anche in Italia, dove l’accesso a internet da dispositivi mobile è stato effettuato da circa 29 milioni di clienti nell’ultimo anno. Primi tra tutti, in una classifica dei siti e-commerce maggiormente cliccati in Italia, troviamo eBay, Booking.com, Groupon e Trenitalia con un numero di accessi totali che va dai 7.500.000 ai 22.000.000.

QUALI SONO I PRODOTTI PIÙ ACQUISTATI ONLINE?

Biglietti aerei, cd, dvd e viaggi sono i prodotti ancor oggi maggiormente acquistati in rete insieme all’abbigliamento che però inizialmente sembrava ostile a questo tipo di mercato, considerato l’alto contenuto soggettivo del prodotto. Ora anche questo ostacolo sembra superato e il mondo dell’e-commerce va via via affermandosi come canale alternativo e di supporto alla vendita offline.

PERCHÉ È GIUSTO PUNTARE ALLE VENDITE ONLINE?

In Italia la moda della vendita tramite sito e-commerce ha inizialmente stentato a decollare ma oggi sempre più aziende ricorrono a questa nuovissima modalità di commercio con l’obiettivo di attrarre una clientela maggiore a sostegno della propria attività e di indirizzare i potenziali clienti all’acquisto dei prodotti offerti e pubblicizzati nel mondo del web.

Un dato certo è che oggi coloro che effettuano acquisti online manifestano una netta e precisa propensione a ripetere il gesto. Questo spiega che, affrontato il gradino iniziale, cresce nel cliente la fiducia e la sensazione di sentirsi al sicuro anche in rete.

Hai un’attività e vuoi capire come incrementare le tue vendite? Analizza tutti i vantaggi che un sito e-commerce può garantire alla tua azienda e scoprine di più!